Due cicli di opere grafiche 1975-1983

Nuovocalice

Museo d’Arte Contemporanea ‘Casa del Console’
Calice Ligure (SV)
23 aprile – 15 maggio 2011

La ricerca di Vanna Nicolotti ha inizio negli anni ‘60, un’epoca di grandi rivoluzioni formali e concettuali per l’arte Italiana, ed è fra i primi a percorrere le inedite strade aperte dallo Spazialismo, facendo di purezza formale e rigore compositivo le linee guida del suo lavoro. Vanna Nicolotti è fra coloro che negli anni ‘70 si raccolgono attorno alla figura chiave di Emilio Scanavino, che torna a lavorare a Calice nel ’62, richiamando accanto a sé numerosi artisti che scriveranno pagine della storia dell’arte italiana contemporanea. Questi, ritrovandosi “in vacanza” nella cittadina ligure, la animano di mostre, incontri, eventi, trasformandola in una fucina di fermento artistico, anche grazie al supporto della galleria Punto di Remo Pastori. Vanna Nicolotti rimane tutt’ora affezionata a Calice, e presenta in questa occasione al Museo Casa del Console una serie di opere grafiche, alcune delle quali raramente esposte in Italia.

Alessandro Azzoni

inaugurazione sabato 23 aprile 17.30

orari d’apertura sabato e domenica 10-12 / 17-19
gli altri giorni su prenotazione

contatti Fondazione D’Ars Oscar Signorini onlus
giardino calderini, 3 – milano / t. 02 860290
info@fondazionedars.it / www.fondazionedars.it



I commenti sono chiusi.

Le soglie dello sguardo
Il gesto programmato